Via blog il nuovo monito del comico alla politica: «Ringraziate la piazza, serve da valvola di sfogo»

ANTONELLA RAMPINO

ROMA
[a sinistra Beppe Grillo]

Uragano-Grillo anche a Montecitorio, dove il comico genovese ha fatto da sfondo in una querelle tra Bertinotti e Di Pietro. E uragano-Grillo che prende ancora ulteriore forza, lanciando un nuovo avvertimento ai politici: attenti, siete seduti su una bomba. Altro che Tangentopoli, altro che campagna anti-politica. Mentre un sondaggio tra i telespettatori di Sky rileva che addirittura un italiano su tre lo vorrebbe a Palazzo Chigi, il comico che forse fonderà un partito per sconfiggere i partiti lancia il suo ultimo avvertimento al Palazzo: «Il milione di persone che è sceso in piazza per il V-day, in modo composto, senza bandiere, senza il più piccolo incidente, dovreste ringraziarlo: è la valvola di sfogo di una pentola a pressione che potrebbe scoppiare». Spiega Grillo nel suo blog, perché poi «è la Rete il vero luogo della politica», che il motore di tutto è la proposta di ineleggibilità per i parlamentari condannati. «Cittadini che hanno fatto la fila per ore per firmare, e le firme sono state “solo” trecentomila perché erano finiti i moduli». E, guarda caso, la polemica al calor bianco scoppiata ieri tra Bertinotti e Di Pietro riguarda proprio il tema dell’ineleggibilità per i condannati. Sulla quale il comico genovese è riuscito a far litigare proprio i suoi due più illustri «simpatizzanti» (o per meglio dire: non antipatizzanti) in Parlamento. Questi i fatti: ieri mattina, e sono solo un paio di giorni che la Camera ha ripreso i lavori, il dipietrista Donadi si presenta alla riunione dei capigruppo dell’Unione con una proposta: «Bisognerebbe affrontare il tema di un disgno di legge per un “Parlamento Pulito”». Tutti restano un po’ sorpresi, racconta un testimone oculare, perchè è la prima volta, assicurano, che l’Idv ne parla in riunione. Nessun commento, Marina Sereni dell’Ulivo che fa il «capoclasse» si appunta la cosa, e si va tutti da Bertinotti. Quando la riunione si avvia è Bertinotti a far notare che «è la prima volta che se ne parla qui in riunione dei capigruppo». Un modo, anche, niente affatto ostativo alla proposta. Del resto, l’attenzione del presidente della Camera era già stata attirata, solo il giorno prima, da una lettera aperta pubblicata dall’«Unità» nella quale Antonio Di Pietro, tra altre precisazioni, ricordava di «aver presentato più volte, alla Camera e al Senato, un disegno di legge analogo a quello da me sottoscritto al v-Day». Proposte, insisteva Di Pietro, «che non sono state tenute in debito conto dal Parlamento». Così, quando poi le agenzie hanno cominciato a diffondere una dichiarazione nella quale Di Pietro aggiungeva «ho scritto tante volte al presidente della Camera, e non ho mai avuto nessuna risposta», Bertinotti è andato su tutte le furie. Ha dettato una nota ufficiale con la quale respinge «l’accusa secondo la quale il Parlamento non avrebbe tenuto in debita considerazione la proposta di legge di Di Pietro», che è invece «pervenuta nella sola giornata di ieri, per la prima volta, e con riferimento al calendario dei lavori di settembre». E poi: «Il ministro Di Pietro ha davvero perso il senso della misura, attacca la Presidenza della Camera per una presunta omissione, anche dopo il chiarimento intervenuto nella conferenza dei presidenti di gruppo». Stoccata finale: «Il resto sono fantasie di un ministro poco rispettoso delle prerogative del Parlamento». Ma intanto, facendo litigare la Terza carica dello Stato e un ministro, Grillo ha centrato un altro obiettivo. «Noi siamo un’offesa vivente per i professionisti della politica…».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: