Cirio e Parmalat pagavano il “pizzo” alla camorra

NAPOLI – L’ombra della camorra si allunga sulla Cirio e sulla Parmalat. Due marchi che in pratica operavano in situazione di monopolio in una fetta della provincia di Napoli e soprattutto nella zona del casertano. A imporre il monopolio e a far fuori la concorrenza, la camorra, che con atti intimidatori, avrebbe assunto il controllo della distribuzione del latte in tutta la zona. Cirio prima e Parmalat dopo, erano diventate in poco tempo gli unici marchi presenti sul territorio. Per questo la camorra imponeva alle due aziende il pagamento del “pizzo”. Somme di denaro che gli investigatori hanno calcolato in 400 milioni di vecchie lire l’anno e che venivano pagate mensilmente al clan camorristico.–>Continua a Leggere<–

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: