Trovato Il Punto ‘g’, è Una Scoperta Italiana

Roma, 20 feb. (Adnkronos Salute) – Il punto ‘G’, fondamentale per l’orgasmo femminile, esiste. Ed è stato addirittura ‘fotografato’ da un ricercatore italiano che lo ha localizzato in un piccolo spazio tra uretra e vagina, più spesso del normale. A documentare l’esistenza della famigerata zona del piacere femminile uno studioso dell’università de L’Aquila, Emmanuele Jannini, docente di sessuologia medica, in una ricerca pubblicata sul Journal of Sexual Medicine e realizzata su un piccolo gruppo di donne.

Per individuare questo particolare anatomico, che consente alle donne il cosiddetto ‘orgasmo vaginale’, Jannini ha utilizzato l’ecografia transvaginale, un esame molto comune. Lo studioso ha chiesto a un gruppo di giovani donne se avessero orgasmi vaginali e ne ha osservato l’anatomia. In quelle che dichiaravano questo tipo di orgasmo è stato riscontrato l’inspessimento della parete tra uretra e vagina.

“Abbiamo dimostrato con certezza l’esistenza del ‘punto G’ in alcune donne. E anche la possibilità di individuarlo in maniera semplice, con un banale ecografo. Ora si può parlare di sessualità femminile con maggiore cognizione di causa e approfondire la ricerca su un terreno più concreto”, commenta ad Adnkronos Salute Emmanuele Jannini, che si dice soddisfatto “perché con questa ricerca finisce l’epoca della sessuologia basata sulle opinioni. Abbiamo dimostrato che le donne hanno caratteristiche diverse tra l’una e l’altra. Ora potremo capire, per esempio, quante sono le donne che hanno il punto ‘G'”.

Non solo. Si potrà, in alcuni casi, anche ‘curare’ la mancanza di orgasmo vaginale. “Stiamo osservando – continua Jannini- che il punto ‘G’ è sensibile al trattamento ormonale. Dunque, nelle donne che hanno un punto ‘G’ atrofico per una carenza ormonale, sarà possibile intervenire”. Ci sono, infatti, donne che hanno livelli bassi di testosterone e hanno il punto ‘G’. Ma, a causa della carenza ormonale, il punto ‘G’ si ‘spegne’. “E queste pazienti – dice Jannini – le possiamo curare con gli ormoni”. Ci sono però anche donne che non hanno questo ‘interruttore del piacere’ “e su questo è impossibile intervenire. Ne loro caso – dice l’esperto – sono possibili solo orgasmi clitoridei”. La ricerca comunque prosegue, e l’equipe del professor Jannini sta osservando come il punto ‘G’ cambia nelle varie fase del ciclo mestruale, nelle donne che prendono la pillola, nelle donne irsute (con troppo testosterone), e in quelle con poco ormone. “Avremmo così un quadro di riferimento ancora più preciso”, conclude Jannini.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: