Truffa di Checkmessenger.

Checkmessenger.net… come farsi rubare la password in pochi secondi

La notizia non è più dell’ultim’ora, ma il numero di mail di segnalazione (e preoccupazione) che continuiamo a ricevere mi spinge a dedicare un post all’argomento Checkmessenger.net. Si tratta di un sito che sostiene di essere in grado di indicarvi quali utenti del circuito MSN Messenger vi abbiano “bloccato” o “cancellato” dalla loro lista dei contatti.

Per ottenere questa “preziosissima” informazione (bah!) Checkmessenger.net vi chiede di fornigli semplicemente due dati: il vostro indirizzo di posta elettronica Hotmail e la vostra password di accesso a MSN Messenger! Insomma tutto quello che serve per impadronirsi letteralmente del vostro account MSN! Basterebbe questa richiesta per tirare una croce rossa sul sito, chiudere la pagina Web e darsela a gambe. Eppure paiono essere in molti gli utenti cui una simile procedura è parsa legittima e accettabile.
Il sito – che considera se stesso e le proprie assurde richieste con lucida follia – garantisce che i dati forniti non vengono in alcun modo conservati, il che dovrebbe bastare per fidarsi ciecamente di questo curioso servizio.

Nella sostanza lo scopo di questo sito pare essere solo quello di rastrellare indirizzi e-mail, password e userid da utilizzare come bersagli per il proprio spam. Secondo quanto descritto da numerosi utenti, una volta forniti i dati di accesso per MSN, Checkmessenger.net provvede ad espellere la vittima da Live Messenger, sostituendo alla sua userid l’indirizzo del sito Web stesso. A questo punto, in possesso dell’account bersaglio, Checkmessenger.net invierebbe un messaggio di spam (in cui pubblicizza la propria fantomatica attività) agli indirizzi di posta elettronica degli utenti presenti nella lista della vittima.

Se siete tra coloro che hanno ceduto alla tentazione di utilizzare il “servizio” in questione, e avete fornito i vostri dati di accesso a MSN Messenger, il nostro ovvio consiglio è quello di cambiare immediatamente la vostra password.

Un consiglio più globale e generico è invece quello di non fornire mai – per nessuna ragione e a chicchessia – i vostri dati riservati di accesso a qualsivoglia servizio online: a nessun sito serio verrebbe MAI in mente di chiedervi di fornirgli la password…di qualunque cosa!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: