Figlia di desaparecidos denuncia i genitori adottivi: «Ladri di bambini»

«Voglio per loro 25 anni di carcere»

Marìa Eugenia Sampallo Barragàn (foto Ap)

Quelli che pensi siano i tuoi genitori, irascibili e violenti ma comunque la tua famiglia, un giorno scopri che sono dei «ladri», che t’hanno sottratto neonata a una donna rinchiusa in un centro clandestino di tortura «per soddisfare il desiderio egoista di avere un figlio»: «In nome di tutti i bambini nelle mie condizioni, nell’interesse dell’intera società» María Eugenia Sampallo Barragán vuole adesso – ed è il primo caso in Argentina – che quella coppia sia riconosciuta colpevole di sequestro e negazione di identità, e condannata al massimo della pena, 25 anni di galera. Gli stessi chiesti ieri dal pm. Più o meno il periodo che lei, ora trentenne, ha passato a casa dei due impostori, la signora Gómez e il signor Rivas, con la finta madre che non faceva che gridare e una volta – così ha testimoniato in aula una vicina – arrivò a dirle: «Se sei tanto ribelle devi essere figlia di una guerrigliera…». Comunque non sua. Il 24 luglio del 2001 l’esame del Dna ha provato definitivamente che María Eugenia è nata da due militanti comunisti, Mirta Mabel Barragán e Leonardo Ruben Sampallo, operai attivi nel sindacato e per questo nel 1977 sequestrati e fatti sparire dalle squadre al servizio dei militari golpisti. Rinchiusa nel centro di tortura Club Atlético e poi a El Banco, Mirta viene tenuta in vita fino al ’78: è incinta, e la bimba che dà alla luce a febbraio di quell’anno può rientrare nel «traffico» di figli di dissidenti (almeno 500, calcolano le Nonne di Plaza de Mayo, 88 ritrovati finora) affidati a famiglie vicine al regime. È la sorte di María Eugenia. Grazie all’intervento dell’ex capitano Berthier – coimputato dei finti genitori nel processo in corso a Buenos Aires – vecchio amico della Gómez, la coppia a maggio del ’78, riceve la neonata e usando un falso certificato di nascita la registra come figlia propria. «Un oggetto – accusa l’avvocato della ragazza -. Rivas e Gómez non sono mai stati una famiglia per lei. La trattarono come un oggetto, cancellarono la sua identità e la privarono del legame con la sua famiglia, che l’ha cercata per 24 anni».

Certamente l’ha fatto la nonna Barragán. Ma anche un fratello maggiore, nato dalla precedente unione della madre, come nella trama del film Hijos (figli) dell’italoargentino Marco Bechis si è impegnato tanto per ritrovarla. I primi dubbi a María Eugenia vengono già da bambina e sono gli stessi genitori a instillarglieli. Quando la piccola ha 7 anni, Rivas e Gómez le confessano che è stata adottata, inventando però via via delle storie sempre più perverse: che i suoi veri genitori sono morti in un incidente d’auto, che sua madre è una domestica che ha regalato loro la bambina, anzi no, che è un’hostess rimasta incinta in Europa in seguito a una relazione extraconiugale… Una marea di bugie, unite a liti furibonde e maltrattamenti, che nel 2000 – María Eugenia già è andata via di casa da due anni – convincono la ragazza a bussare alla porta della Commissione nazionale per il diritto all’identità (Conadi), istituita presso il ministero della Giustizia argentino.

A riceverla è Claudia Carlotto, coordinatrice della Conadi – nonché figlia della leader delle Nonne di Plaza di Mayo, Estela – che l’aiuta ad avviare le ricerche per l’identificazione dei veri genitori (è proprio lei a comunicarle il nome della madre), e a impostare il processo ora arrivato alla fase del dibattimento. Un percorso faticoso e commovente per María Eugenia, raccontano, fatto anche di pressioni psicologiche, di telefonate mute e intimidazioni, soprattutto da parte di quel capitano Berthier, l’intermediario coimputato, il vecchio e ambiguo amico di famiglia. «María Eugenia è una ragazza molto coraggiosa – dice al telefono Estela Carlotto -, la prima vittima in Argentina a portare in tribunale i “ladri” che l’hanno sequestrata. Ci auguriamo che la condanna sia esemplare».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: