Milly D’Abbraccio

L’ex regina
del porno corre con i socialisti

Foto|

L’ex pornostar nella lista dei socialisti in corsa per il Comune: «Sogno una “love city” nella capitale»

ROMA – Dai set a luci rosse al Campidoglio. È quello che spera Emilia Cucciniello, in arte Milly D’Abbraccio, regina dell’hard degli anni ’80 e ’90, in corsa per il Comune di Roma nella lista dei socialisti con Franco Grillini capolista. «Era il mio sogno nel cassetto – spiega – e sono contenta di avere questa chance perché noi attori dell’eros ci siamo sempre sentiti in qualche modo ghettizzati, ma anche noi abbiamo le nostre idee e le nostre proposte per migliorare le cose». Come ad esempio la nascita di una ‘love city’, una città dell’amore nella Capitale, altro sogno nel cassetto di Milly. «Esistono in altre grandi città europee, a Parigi, ad Amsterdam. Perché non dovrebbe sorgerne una anche a Roma? Un quartiere a luci rosse, dove puoi trovare il cinema hard, il sexy shop, i locali per strip e lap dance. Certo, mi rendo conto che proprio a Roma c’è da… convincere il Papa, ma credo che sia un’iniziativa che i laici apprezzerebbero anche come segnale di una libertà che deve esserci pure nella sfera sessuale».

TRA CINEMA, LIBRI E POLITICA – Il suo sodalizio con Riccardo Schicchi e la sua ‘scuderia’ di attrici porno ‘Diva futura’ risale agli anni ’80. «È vero – risponde – ci conosciamo da tempo. Lui doveva essere candidato con i socialisti e Grillini, ma poi è sorto qualche problema. Allora ha proposto a me di candidarmi. E quando sono andata nella sede del partito, erano tutti contenti del mio sì, sono stata accolta a braccia aperte e ora voglio fare la mia parte». Con il cinema, almeno per ora, Milly D’Abbraccio ha chiuso. «Mi sono un po’ stancata del genere che comunque mi ha fatto conoscere al grande pubblico. Però mi piace stare sul palco, davanti ad una macchina da presa. Mi piace anche la tv. In fin dei conti, per molti anni lo spettacolo è stato la mia vita, per me è sempre importante essere a contatto con il pubblico. Ho sempre lottato in prima persona e nessuno mi ha mai regalato niente. E poi, quando ho iniziato la mia carriera tutto era più difficile: ti appiccicano addosso l’etichetta di attrice porno e poi è difficile cambiare la tua immagine pubblica». Niente cinema, quindi, però presto darà alle stampe un libro. Una specie di manuale dell’eros, «con tanti consigli su come comportarsi quando si tratta di un’avventura di una sola notte e quando invece si parla di una storia seria».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: