Milly tappezza Roma:«Basta facce da c…»

In primo piano il sedere dell’ex regina dell’hard. «Li ho fatti stampare a mie spese e ora li utilizzo»

ROMA – Facce nuove in politica. Lo chiede la candidata del Partito socialista nel nono e decimo Municipio della Capitale Milly D’Abbraccio. Lo fa, però, con «argomenti» che molti elettori maschi potrebbero trovare convincenti: nel manifesto che ha fatto la sua comparsa nei quartieri Appio, Tuscolano e Cinecittà, infatti, non è il volto dell’ex regina dell’hard ad essere protagonista, bensì un’altra parte del corpo: il fondoschiena. Un manifesto choc, così come lo slogan: «basta con queste facce da c…» esorta Milly, che sperando nel «fattore C» chiede insomma agli elettori una svolta nel voto del 13 e 14 aprile. Il blitz nei quartieri romani dell’Appio-Tuscolano per l’affissione dei manifesti: il «commando» era formato dalla stessa candidata, da Riccardo Schicchi, dall’addetto stampa e da due ragazzi incaricati di affiggere sia la versione soft, con la lettera «c» seguita da tre puntini di sospensione, sia la versione hard con la parola in questione scritta per esteso. Il partito, dicono nello staff di D’Abbraccio, era contrario a questo manifesto, ma la candidata ha insistito: «Li ho fatti stampare a mie spese e ora li utilizzo».

<!–


–> <!–

–>

IL PARTITO – «Il manifesto di Milly D’Abbraccio rappresenta una scelta autonoma di un candidato circoscrizionale di Roma, e per stile e contenuto non è assolutamentte conforme alla linee e alla tradizione del nostro partito». Lo afferma una nota dell’Ufficio stampa del Partito socialista. «La signora D’Abbraccio- prosegue la nota- rimane un candidato circoscrizionale, non è una candidatura strategica e ci auguriamo vivamente che abbia il buon gusto di rimuovere al più presto quei manifesti e di non perseverare nell’affissione».

GRILLINI – «Non mi entusiasmo, né mi scandalizzo». Così Franco Grillini, candidato sindaco di Roma per il partito socialista, commenta la «censura ai manifesti di Milly D’Abbraccio espressa dai quadri nazionali del partito. Entrando nello specifico, poi, Grillini afferma che «quei manifesti io non li avrei fatti, ma allo stesso tempo il fatto che siano stati affissi non mi sembra uno scandalo di grandi dimensioni».

E ALTRE REAZIONI – Ironico il commento di Luca Romagnoli, segretario del Movimento Sociale Fiamma Tricolore: «Visti i manifesti di Milly D’Abbraccio che campeggiano al Tuscolano o a Cinecittà, gli elettori farebbero meglio a votare l’ex regina dell’hard piuttosto che Alemanno».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: