Gates chiama Murdoch E Yahoo cerca alleati

Va in scena la grande spartizione del web

MILANO – La battaglia fra Microsoft e Yahoo sta arrivando al punto di svolta. Con il gruppo di Redmond e quello di Sunnyvale alla ricerca di alleanze, d’attacco e di difesa, in grado di ridisegnare l’intera mappa della web economy mondiale. Dopo l’accordo «sperimentale» (limitato a 15 giorni) per condividere con Google parte delle inserzioni pubblicitarie raccolte attraverso i rispettivi motori di ricerca, Yahoo sta negoziando un’intesa con Time Warner in base al quale la compagnia di Sunnyvale si fonderebbe con Aol, la divisione internet del colosso media americano. E sul fronte opposto si prepara un’operazione ancor più sorprendente. Secondo il New York Times, infatti, Microsoft avrebbe in corso colloqui con la News Corporation, il cui obiettivo è innanzitutto quello di consentire al gruppo fondato da Bill Gates di presentare, proprio grazie all’apporto della compagnia di Rupert Murdoch, un’offerta per l’acquisizione di Yahoo superiore a quei 44,6 miliardi di dollari (che per effetto dei ribassi di Borsa si sono ridotti a 42miliardi) già messi sul piatto e rifiutati come «insufficienti » dall’amministratore delegato Jerry Yang e dall’intero staff della internet company californiana. Secondo fonti citate dal quotidiano newyorkese, il disegno strategico dell’alleanza Microsoft-News Corp è molto ambizioso. Si tratta infatti di integrare le attività di Yahoo con quelle del portale internet Msn di Microsoft e quelle di MySpace, la «comunità web» più popolare al mondo, controllata da Murdoch. Ma, del resto, non meno ambizioso è lo schema attorno al quale starebbero lavorando Yahoo e Time Warner. Il gruppo media newyorkese farebbe confluire le attività Aol nella compagnia di Sunnyvale, versando in contanti circa 10 miliardi di dollari (tanto è valutata Aol) in cambio del 20% del capitale della nuova compagnia che risulterà dall’integrazione fra le due società. A sua volta Yahoo utilizzerebbe quelle risorse per riacquistare azioni proprie a un valore superiore all’attuale prezzo di mercato, in modo da chiudere ogni possibilità a un’offerta ostile da parte di Microsoft.

Secondo fonti finanziarie di Wall Street, entrambe le operazioni potrebbero chiudersi in poche settimane. Magari prima di quel 26 aprile indicato da Microsoft come termine ultimo entro il quale, se Yahoo dovesse ribadire il «no» alla sua proposta d’acquisto, lancerà un takeover ostile, a un prezzo inferiore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: