Waterboarding, video denuncia in Rete “Filmato Shock”

Il filmato di Amnesty International per la campagna contro le torture negli interrogatori ai presunti terroristi

Un’immagine del video

WASHINGTON – L’acqua che scende dall’alto è limpida. Un fiotto compatto. Inesorabile. Entra nella gola, stimola la faringe e il prigioniero ha la netta sensazione di annegare. A questo punto, non gli resta che implorare. «Il terrore di morire – spiegano gli esperti – porta quasi immediatamente a chiedere che il trattamento abbia termine». Si chiama «waterboarding» (o annegamento simulato) ed è una delle tecniche più dure utilizzate negli interrogatori contro i presunti terroristi di Al Qaeda. Adesso, «quello che la Cia non vuol far vedere», è sul web: un video choc realizzato da Amnesty International che racconta in pochi secondi quello che accade in certe prigioni americane.

Guarda il filmato sul Waterboarding di Amnesty International

BUSH – Nei giorni scorsi George W. Bush ha ammesso di essere a conoscenza dell’utilizzo di queste pratiche. «Lo abbiamo fatto per proteggere il popolo americano» ha spiegato il presidente Usa. Ma le sue affermazioni hanno provocato una serie di reazioni e di polemiche. Tra queste, la dura presa di posizione di Amnesty. Per sensibilizzare l’opinione pubblica, e soprattutto l’amministrazione Usa, l’organizzazione internazionale ha pubblicato su Internet una serie di video nell’ambito della campagna «Unsubscribe-me» contro le violazioni dei diritti umani nella «guerra al terrore». L’ultimo è quello sul «waterboarding». «La minaccia del terrorismo è reale – si legge sul sito Internet dell’iniziativa – ma calpestare i diritti umani e abbandonare i nostri valori non è la risposta giusta».

«VERGOGNA» – Malcom Nance, che a lungo ha insegnato agli uomini della sicurezza americana a resistere agli interrogatori in cui veniva usato il «waterboarding», chiede la fine immediata di questa pratica. «Mi vergogno per il fatto che il presidente Bush abbia autorizzato il suo uso e abbia così gettato nel fango la reputazione degli Stati Uniti», ha dichiarato. Il presidente statunitense è stato molto criticato anche per aver respinto una proposta parlamentare finalizzata a mettere fuori legge questo tipo di interrogatorio. «Il nostro film mostra ciò che la Cia non vuol far vedere – spiega Kate Allen, direttrice di Amnesty International in Gran Bretagna – vale a dire la disgustosa realtà del mezzo-annegamento di una persona».

Correlati:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: